Il bilancio della prova del Master Beta a Garessio

Una lunga storia di passione che unisce generazioni di trialisti da oltre cinquant’anni è il segreto del Motoclub Trial Alta Val Tanaro, sodalizio organizzatore del quarto appuntamento per il Trofeo Monomarca Beta a Garessio.

Una missione quella di promuovere il trial presente anche nel nome del club Cuneese che ha radunato Domenica 19 Settembre i piloti alla guida delle Beta.

Molti punti fissi, come la partenza presso la struttura sportiva di Garessio, caratterizzata da un’ampia area verde e l’anello per il pattinaggio dove creare il paddock, l’adiacente campo trial autorizzato nel quale disegnare l’ultima zona di gara ed i luoghi dove allestire le sezioni, già collaudate in occasione delle prove del tricolore.

Un grande dubbio però ha accompagnato il lavoro di tracciatura delle zone.

Pioverà o no?
Questo il dilemma che ha portato i soci del Trial Alta Val Tanaro ad optare per sezioni studiate per reggere eventuali scrosci d’acqua previsti per la serata di Sabato.

Fortunatamente Giove pluvio ha risparmiato Garessio fino alle 14 e 30, orario in cui buona parte dei concorrenti avevano già terminato la loro prova.

Una difficoltà ulteriore per chi non è riuscito a completare la gara in tempo utile ed ha dovuto affrontare le zone che nell’arco di pochi minuti sono passate da facili a molto insidiose.

Prova con punteggi bassi che ha obbligato i piloti a mantenere molto alto il livello di concentrazione e che ha visto qualche rimescolamento nelle classifiche di giornata.

Divertente il trasferimento di gara completamente in fuoristrada che ha unito le zone dalla 1 alla 7, chiuso al traffico che è stato affrontato da tutti i partecipanti ad esclusione dei giovanissimi che si divertono nelle zone contraddistinte dalle frecce nere e bianco, cui sono state dedicate 4 prove da ripetere altrettante volte.

Zona 8 invece riservata esclusivamente agli adulti visto che bisognava affrontare un breve tratto di strada asfaltata.

Un cielo livido con qualche goccia di pioggia ha accompagnato la cerimonia della premiazione, durante la quale il presidente del Val Tanaro Luca Rosso ha ringraziato e consegnato un riconoscimento ai volontari, giudici e collaboratori del Club, i quali hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione.

Al microfono dello speaker Alberto Piombo Rosso ha espresso la volontà di riportare il Master già dal prossimo anno a Garessio.

Ad imporsi a Garessio sono stati:

Andrea Vaccaretti (Team Locca Miglio) in TR2, Marco Pedrinazzi (Team 3D) in TR3, Moreno Piazza (Mc Trial Valchiampo) nella TR3 OPEN, Nicolò Marcomini (Mc Rio Lanza) in TR4, Enzo Giacomo Rolle (Mc Valli del Canavese) nella TR4 OVER, Erica Bianchi (Mc La Guardia) nella FEMMINILE, Claudio Leonelli (Top Trial Team) in TR5, Marco Marranci (Mc Sparks Reggello) nella VINTAGE, Alice Parodi (Mc La Guardia) nella FEMMINILE B, Federico Picasso (Mc La Guardia) nella MINITRIAL A, Gabriele Vietti Violi (Mc Domo ‘70) nella MINITRIAL B, Federico Delfino (Team PJR) nella MINITRIAL C, Cloe Balestra (Mc Rio Lanza) nella MINITRIAL D, Toni Viero (Mc Trial Valchiampo) nella MINITRIAL OPEN, Sebastiano Dainese (Mc Trial Val Chiampo) nella MINITRIAL C1.

Due settimane invece mancano all’ultima tappa del Trofeo, che vedrà il Motoclub Domo ’70 in veste di organizzatore.

Lascia un commento